COMUNICATO STAMPA
Fontana dell’Ercole alla Reggia di Venaria Reale 
  2020
Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino
Reggia di Venaria Reale
 

Nei giardini della Reggia di Venaria sono partiti i lavori che riproporranno, in chiave attuale, la fantastica “macchina scenografica” ideata da Amedeo di Castellamonte.

Si è aperto ad ottobre il cantiere della Fontana d’Ercole, nei giardini della Reggia di Venaria: un magnifico dono di compleanno per la residenza, che nel 2017 ha festeggiato il suo decennale. Il progetto stilato dall’architetto Gianfranco Gritella è vasto, complesso, ambizioso, e in questa tipologia architettonica destinato probabilmente a fare scuola. I due milioni di euro stanziati per l’opera – grazie all’impegno congiunto della Compagnia di San Paolo, di Intesa Sanpaolo e della Consulta di Torino – indicano che si tratta di un intervento fuori dal comune, che guarda contemporaneamente al passato e al futuro. In ogni caso, se si osservano i punti qualificanti della nuova “macchina scenografica” che rievocherà il sontuoso apparato manierista concepito da Amedeo di Castellamonte tra il 1669 e il 1672, si comprende che quando sarà conclusa, nel 2020, la Fontana d’Ercole diventerà una delle grandi meraviglie della Reggia.

Presentato ufficialmente l’11 ottobre, il progetto è un atto di coraggio, su cui hanno scelto di scommettere le istituzioni e i mecenati privati. “Della Fontana d’Ercole – ha esordito la Presidente di Consulta Adriana Acutis – rimanevano pochi resti architettonici, che potevamo lasciare a un rapido degrado oppure destinare a nuova vita. Noi abbiamo pensato che, grazie a una buona idea, essa sarebbe potuta diventare un trampolino per il presente e per il futuro, trasformando un limite in finestra di apertura. Quello che presentiamo è un progetto che unisce creazione e conservazione, e sa aprirsi all’innovazione per fare della debolezza un’opportunità”. Parole alle quali fanno eco le dichiarazioni della Compagnia di San Paolo, che è tra i principali sostenitori della reggia, a cui ha destinato oltre 20 milioni in questi dieci anni di vita: “La Reggia ci ha abituati a sfide grandiose e la Fontana d’Ercole non fa eccezione, poiché costituisce un unicum. È un progetto che nasce in collaborazione con la Consulta e crediamo che proprio grazie a questa sinergia potremo ottimizzare costi e benefici. La realizzazione darà risultati importanti, sia per la forte diffusione pubblicistica che garantirà, sia per le operazioni di marketing che si potranno sviluppare”. Un quadro in cui si colloca anche la presenza di Intesa Sanpaolo, per la quale “Venaria, oggi al 5° posto tra i musei italiani più visitati, è da sempre in Europa un esempio di best practices” e che intende l’investimento culturale come “la restituzione di patrimonio alla collettività, con opere che rappresentano l’identità del territorio”. A chiudere gli interventi la Soprintendente Luisa Papotti, che ha ripercorso il lungo cammino fatto dalla Reggia nelle sue tappe principali: il 1957, quando gli architetti della soprintendenza entrarono per la prima volta nella residenza; il 1997, che segnò l’inizio dello straordinario piano di recupero, che in Italia non aveva paragoni, se non nei recuperi post-bellici. E infine il presente, con un modello di consorzio, quello de La Venaria Reale, inventato in Italia, e il cantiere della Fontana – prima lungamente affrontato e mai risolto – che va oltre il semplice progetto di restauro”.

 

Link: http://www.consultaditorino.it
 
Foto per la stampa:
   
Documentazione:
  Non sono presenti documenti per questo comunicato